Sognare un rubino porta doni inattesi

Dedicato a tutti i nati di luglio

Il rubino è considerato una delle quattro pietre più preziose che esistano al mondo, assieme al diamante, allo smeraldo e allo zaffiro. Nell’antichità si credeva che fosse più prezioso persino del diamante. Ad ogni modo è sicuramente una delle gemme più rare, a volte più difficile da trovare rispetto al diamante. La tradizione la associa ai nati a luglio. Infatti, gli antichi pensavano che il rubino fosse in grado di catturare il potere del sole!

Origine e mito

La parola “rubino” deriva dal latino “rubens” e significa ”rosso”. Simboleggia la passione e l’amore. La leggenda vuole che il rubino conferisca armonia e gioia a chi lo indossa, che lo protegga dai pericoli e che rinforzi la memoria. Nel Medioevo si pensava che si scurisse in prossimità di eventi negativi. Nel corso dell’800 era indossato dai nobili e considerato amuleto magico per tenere lontane le malattie, gli incubi e le sofferenze. Ma qual è la sua natura?

La sua natura

Il rubino è un corindone rosso, un minerale di ossido di alluminio a inclusioni di cromo. Il responsabile del suo colore è appunto il cromo. Questa pietra, se esposta alla luce naturale o bianca, emana un particolare colore rosso acceso. In presenza più spiccata di ferro, alcuni rubini presentano una tonalità particolare di marrone.

La forma e lucentezza

La sua forma può essere prismatica, bipiramidale o romboedrica. La sua tonalità si presenta con una vasta gamma di rossi, di tono e pregnanza diversi, talvolta leggermente tendenti all’azzurro, al violaceo, al vinaccia, al rosso scuro o con sfumature di rosa e arancioni. Il più prezioso fra tutte le varietà di rubini è la specie di carminio intenso. Anche nella sua forma più pura, non supera l’80% di rosso, per lasciare spazio a sfumature di arancio, rosa, porpora e viola. Per quanto riguarda il suo peso, non supera i 3 carati. La sua tinta esposta alla luce o al calore non cambia. Sottoposta a temperature elevate sembra sbiadire, ma, una volta raffreddata riprende il suo colore originario. Le inclusioni permettono di distinguere le pietre naturali da quelle false e di riconoscere la loro provenienza.

Rubino di Birmania

Il Paese del rubino

La Mogok Valley in Birmania è considerata il luogo principe dei rubini, il “signore dei rubini”, dove tuttora si estraggono i rubini. Altri Paesi di riferimento sono Afghanistan, Cambogia, Cina, India, Madagascar, Kenya, Mozambico, Pakistan, Sri Lanka, Tanzania, Thailandia e Vietnam. Alcuni di essi erano già noti ai tempi dei viaggi di Marco Polo. “Sappiate – scrisse – che in quest’isola nascono i buoni e nobili rubini e non nascono in niuno altro luogo al mondo piue”. I rubini più belli provengono dalla Birmania e vengono estratti insieme allo zaffiro, allo zircone, allo spinello e alle tormaline. Alcuni esemplari di rubini provengono dalle regioni aurifere e diamantifere dell’Australia e del Brasile, nei giacimenti alluvionali del Nord Carolina (U.S.A.) e nel Madagascar. Alcune curiosità Il rubino simboleggia il sole e il fuoco. Fin dall’antichità si pensava che proteggesse dalle malattie e dai pericoli e che donasse serenità, forza e vitalità. Sembra possa favorire la chiarezza mentale e la concentrazione, ma anche la passione. Ad esso si tende ad associare un grande potere magico. In particolare al “rubino stellato”. Una varietà formata internamente da una stella a sei raggi, dovuta alle inclusioni di rutilo. In presenza della luna piena, si pensava avesse enormi poteri curativi. Tante sono le leggende che coinvolgono questa pietra preziosa, tanto che bisognerebbe dedicarci un intero articolo. Qui ricordiamo semplicemente la tradizione greca che dedica la gemma ad Apollo, oppure la spada leggendaria di Balmay, che Sigfrido aveva guadagnato combattendo contro i Nibelunghi, in cui era incastonato un rubino, ma anche la tradizione cristiana che lo pone a simbolo della carità. Con il suo colore rosso vivo, il rubino rappresenta in particolare la gioia di vivere, l’allegria, la libertà, l’amore, la passione, armonia e felicità. Un gioiello che ognuno di noi dovrebbe avere!

I gioielli con rubini Devis Palazzi

Anello in oro 750% giallo con diamanti, rubini, zaffiri Anello in oro rosa 750% con perla d’acqua dolce centrale, rubini, zaffiri e peridoto. Anello in oro rosa 18 carati, rubini, spinello nero taglio irregolare briolette e rodolite taglio brillante