Galateo e gioielli

Fig. sopra: gioielli Devis Palazzi

Sono convinto che sia importante scegliere il gioiello giusto, che si equilibri con la personalità, lo stile, i colori di chi lo indossa e, naturalmente, con la circostanza. Ma esiste un galateo da seguire per essere chic e glamour? Di sicuro qualche accorgimento utile da seguire.

Come indossare i gioielli: tra tradizione e buon senso

Al tempo dei miei nonni, c’erano alcune regole importanti. Ad esempio, i diamanti non andavano portati prima di aver compiuto 40 anni. Ne facevano eccezione gli anelli di fidanzamento e le verette. Inoltre, le perle non potevano essere indossate durante il giorno con un abbigliamento casual. Era vietato regalare perle alle spose. Sarebbero state portatrici di lacrime. Per lo stesso motivo era meglio non regalare spille… Ora non ci sono più regole così restrittive. Basti pensare alla versatilità con cui si indossano perle e diamanti, anche con abbigliamento casual. Ma rimangono alcuni punti fermi, da considerare per essere eleganti e piacevoli, per esaltare la bellezza dell’oggetto che si indossa, senza esagerare. Per essere eleganti, ma non ostentati.

Pochi gioielli alla volta

Se possiedi un importante gioiello con diamante, zaffiro, rubino… è meglio non accostarlo ad altri gioielli. Il mio motto è: “il troppo stroppia”, meglio un gioiello alla volta per esaltarne la bellezza e l’unicità. Tanti gioielli assieme rischiano di appesantire la persona. L’effetto non sarebbe proprio chic, ma kitsch! Insomma, mai superare il numero di 3 gioielli alla volta. Ad esempio, non andare oltre ad una parure di gioielli composta da orecchini, collana e anello. Oppure non superare i tre anelli alla volta, o un anello per mano.  

Quali gioielli valorizzano di più?

Sicuramente dipende dalla persona, dalla silhouette, dai colori, dallo stile, dalla forma del viso. Ad ogni modo, per non sbagliare mai, è meglio puntare sulla finezza, sulla semplicità, su gioielli delicati e non esageratamente appariscenti.

Fig.sopra: gioielli Devis Palazzi

Gioielli da giorno e da sera

Secondo il galateo, ci sono gioielli più da giorno e altri più da sera. Ad esempio, perfetti per il giorno sarebbero orecchini a lobo e collane con ciondolo dello stesso stile. Sono più adatti gioielli con gemme chiare tipo ambra, ametista, collane di perle, anelli con acquamarina, corallo, morganite, giada, lapis, oppure catene d’oro. Invece, per la sera andrebbero meglio i diamanti bianchi o rubini, zaffiri blu, smeraldi….  Insomma, qualcosa di più vistoso e prezioso.

Fig.sopra: gioielli Devis Palazzi

Abbinare i gioielli con attenzione

Secondo il bon ton sarebbe meglio non abbinare gemme e metalli diversi, orecchini di perle e collane d’ambra, oro e argento, anche se oggi esistono gioielli bicolore molto glamour.

Nel luogo di lavoro…

Secondo il galateo, nel luogo di lavoro non bisogna mettersi troppo in mostra. Inoltre, bisognerebbe evitare la bigiotteria e prediligere l’argento o l’oro bianco e le pietre chiare.

L’abbinamento giusto per te

Fig.sopra: gioielli Devis Palazzi

Bisogna scegliere il gioiello in base al look e alla situazione. Ad esempio, se per la sera opti per un tubino nero, ti consiglio un gioiello importante, che illumini la tua figura. Se invece scegli un vestito colorato o a fantasia, meglio prediligere un gioiello semplice, non troppo vistoso. L’accostamento non sarebbe chic.

Occasioni in cui evitare gioielli

Meglio non indossare gioielli vistosi se la tua silhouette non è particolarmente da sirena, oppure non collane lunghe se sei molto magra. Inoltre, ti consiglio di non indossarli al mare, o quando fai sport, soprattutto se si tratta di diamanti, smeraldi, perle o altre pietre preziose che si potrebbero rovinare.

Quale gioiello indossare?

Fig.sopra: gioielli Devis Palazzi